Linee stocastiche

Per sviluppare una strategia all'interno del trading è estremamente importante sapere come identificare quando il trend di prezzo di un asset (rialzista o ribassista) inizia ad esaurirsi. Quando riuscirai a identificare quel momento, sarai nelle condizioni ottimali per eseguire ordini relativi al mercato e potrai sfruttare al meglio l'intera portata del prossimo movimento di prezzo.

Saper identificare ciascuna di queste situazioni è solitamente un po' complesso, soprattutto se il mercato è caratterizzato da un comportamento senza trend predominante, cioè un comportamento laterale. Per poterli identificare, abbiamo bisogno di indicatori chiamati oscillatori, quindi oggi impareremo a conoscere l'indicatore stocastico e la sua importanza nel cambiare le tendenze.

Cos'è l'indicatore delle linee stocastiche?

L'indicatore è un tipo di oscillatore che viene solitamente utilizzato per l'analisi tecnica il cui obiettivo è valutare il momentum o il momentum del prezzo di un'attività finanziaria. Questo concetto è stato introdotto negli anni '50 dal trader e analista George Lane e la chiave di questo indicatore è che prima che si generi una trasformazione in un trend di prezzo, è anche responsabile della produzione di segnali di esaurimento e perdita di slancio rispetto al trend precedente. .

Per identificare questi segnali, l'indicatore ha il compito di confrontare i prezzi di chiusura di un asset con l'intervallo di prezzo in cui il prezzo si è mosso in un certo numero di sessioni. L'indicatore stocastico nasce dalla premessa che quando un asset è in un trend rialzista, il prezzo di chiusura di solito cerca di avvicinarsi ai prezzi massimi di ogni sessione.

Quindi, quando un asset è in una tendenza al ribasso, il prezzo di chiusura cercherà di avvicinarsi ai prezzi massimi di ogni sessione.

Linee stocastiche

Come viene rappresentato l'indicatore delle linee stocastiche?

L'indicatore è rappresentato da due linee il cui valore varia tra 0 e 100. E queste due linee sono solitamente chiamate %K e %D, la prima è rappresentata in blu, mentre la seconda in arancione. Per ottenere i loro valori è necessario utilizzare le seguenti formule:

% K = 100 x ((C - Min) / (Max - Min))

% D = Media mobile semplice di n periodi di % K

Dove:

C: Prezzo di chiusura dell'ultima sessione.

Min: Prezzo minimo raggiunto durante un numero di sessioni assegnate.

Max: Prezzo massimo raggiunto durante un certo numero di sessioni.

È importante considerare che uno stocastico con parametri più alti darà meno segnali, il che sarà più affidabile che se avessi parametri più bassi. Pertanto, la configurazione dei parametri stocastici dipenderà dallo stile di trading di ciascun operatore.

➡✨ Perché dovresti implementarlo?

È uno degli indicatori più importanti all'interno della famiglia degli oscillatori, quindi È caratterizzato da una lettura del momentum molto ricettiva e volatile, che indica una risorsa per molte strategie di trading. Non dimenticare che gli oscillatori tendono a dare il meglio durante i periodi di range, specialmente in corrispondenza di supporti e resistenze per identificare un'inversione di prezzo.

Linee stocastiche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *